Abbinare il vino al cibo

In questa rubrica desideriamo darti suggerimenti e consigli su come abbinare i giusti vini ai tuoi piatti preferiti.

Crudi di pesce

I carpacci e le tartare di tonno, pesce spada o filetti di gamberi, branzino e orata sono caratterizzati da una notevole dose di sapidità marina e delicatezza delle carni. Il vino da abbinare non dovrà mai sovrastare queste sensazioni e prevaricare sul cibo, quindi dovremo privilegiare bianchi secchi, non aromatici con poca acidità, buona sapidità e poco alcool.
Per i molluschi (come cozze e vongole) il discorso è diverso in quanto oltre alla sapidità troveremo al gusto succulenza e aromaticità, che richiede abbinamenti con vini bianchi giovani, non troppo acidi, profumati, ma non eccessivamente aromatici. Vini come Soave e Lugana riusciranno ad esaltare al meglio il sapore del mare caratteristico di questi molluschi.

Per quanto la moda veda abbinare le ostriche allo champagne, questa non risulta la scelta migliore, dato che l’acidità e le caratteristiche carboniche dello champagne, non si amalgamano con lo zinco presente in dosi elevate nelle ostriche. Vini armoniosi, delicati e fruttati risulteranno l’abbinamento perfetto per le ostriche. Esse presentano una certa grassezza e una decisa salinità, che le porta a ben esaltarsi anche con vini più maturi e dalla buona complessità aromatica.

Leggermente grassa e sapida, alla tartare di salmone si possono abbinare vini dal gusto più intenso e persistente. Se invece dobbiamo abbinare un vino ad una tartare di tonno, dalle carni saporite e consistenti, ci si può spostare su un vino rosé, fresco, floreale e agrumato.

Soave DOC Classico 2021

Decus Collezione Lugana DOC 2021

Maffeo Veneto IGT Bianco 2021